Password dimenticata?
Ricerca guidata




Le Maserati Biturbo

 

rigarossasottile

Le marmitte e i ricambi Bruel Italia per le Maserati Biturbo:


 

rigarossasottile

Informazioni generali della Maserati Biturbo

 

 

Voluta da Alejandro De Tomaso, che aveva acquisito la proprietà della Casa del tridente nel 1976, la Biturbo doveva essere il modello dei grandi numeri.Il motore, un V6 bialbero alimentato a carburatori derivava da quello della Merak, da cui differiva per il numero di valvole e per il sistema di sovralimentazione composto da 2 turbocompressori. La cilindrata era di 2491 cm³ per i mercati esteri e 1996 cm³ per l'Italia, ma la potenza rimaneva abbastanza simile: 192CV per le 2500 e 182 CV per le 2000.
Nel 1985 vennero presentate anche le Biturbo 425 e le Biturbo Spyder. La prima era la variante berlina a 4 porte basata sul pianale della coupé allungato, mentre la seconda una spider 2 porte basata sul pianale accorciato. Entrambe erano mosse da V6 biturbo di 2,5 litri da 192 CV. Pochi mesi dopo vennero rese disponibili, le Biturbo 420 e Biturbo Spyder 2.0, mosse dal V6 con cilindrata ridotta a 1996 cm³ e potenza di 182 CV. Nel 1986 venne introdotta anche la Biturbo 420 S (con varianti estetiche simili alla coupé S) e motore da 205 CV.
Nel 1988 un restyling rivoluzionò la gamma. Tutte le versioni adottarono un frontale più morbido, nuovi paraurti,rivisti o inediti i motori: alla base si poneva il V6 biturbo di 1996 cm³ tre valvole per cilindro a iniezione da 223 CV, che muoveva le Biturbo 222 (coupé), Biturbo 422 (berline) e le Spider 2.0i. Lo step superiore era rappresentato dalla versione a 4 valvole per cilindro del V6 2 litri (245 CV), che spingeva le Biturbo 2.24V e Biturbo 4.24V. Al vertice un nuovo V6 quattro valvole di 2790 cm³ da 250 CV, riservato alle 430i, "228" e Spider 2.8i.
Nel 1989 la Maserati passò da De Tomaso alla Fiat.
Nel 1991 la gamma delle coupé 2 porte s'ampliò con l'introduzione della Racing, estrema evoluzione dell'originaria Biturbo. La nuova sportiva era spinta da una versione evoluta del V6 24 valvole, portato a 285  CV di potenza. La Racing anticipò nelle linee la Biturbo 224 restyling.La Biturbo venne sostituita dalla Maserati Ghibli nel 1992.