Password dimenticata?
Ricerca guidata




La Porsche 924

 

rigarossasottile

Le marmitte e i ricambi Bruel Italia per la porsche 924

 

 

rigarossasottile

 

 

Informazioni generali sulla Porsche 924

 

La Porsche 924 è stata prodotta  a partire dal 1976 fino al 1985.Fu la prima Porsche prodotta a motore anteriore raffreddato a liquido.
Già dai primi anni 70 la Volkswagen pensava allo sviluppo di una coupé sportiva, un'auto da mettere al top di gamma: Volkswagen decise quindi di affidare lo sviluppo di questa nuova auto alla Porsche ma a causa della crescente preoccupazione dovuta alla crisi petrolifera dei primi anni 70, la Volkswagen decise di accantonare il progetto.
Porsche aveva esigenza di trovare un modello entry-level che sostituisse la 914 quindi stipulò un accordo con la Volkswagen impegnandosi ad acquistare l'intero design della 924 per 100 milioni di marchi. L'accordo prevedeva che l'auto sarebbe stata costruita presso gli stabilimenti Volkswagen sotto la completa supervisione di tecnici e addetti alla qualità Porsche.
Quello che ne risultò fu uno dei modelli best-seller Porsche di sempre. Il design del veicolo fu affidato ad Harm Lagaay: i fari a scomparsa, il lunotto in vetro e il frontale senza griglia diedero all'auto la famosa linea cuneiforme. La critica mondiale fu entusiasta del nuovo modello che presentava una facilità di guida totalmente sconosciuta ai precedenti modelli Porsche, la straordinaria efficacia del telaio però mise subito in evidenza una certa mancanza di cavalli che suscitò qualche critica da parte degli appassionati che non riconoscevano lo spirito porschista.
In realtà è noto che la Casa limitò le prestazioni del motore per non creare sovrapposizioni con l'allora 911-2.7cc da 150 cavalli.
Per accontentare la sete di cavalli, Porsche fece uscire a fine 1978 la 924 Turbo: un'auto dalle prestazioni entusiasmanti, rivista in tutto (motore, ciclistica, freni, aerodinamica), in grado di sconfiggere la 911 SC 180cv nelle prove dell'epoca.
La produzione della 924 Turbo si concluse in anticipo, nel 1982 (1983 per il mercato italiano), per far spazio alla nuova 944 che inizialmente aveva prestazioni inferiori.
L'avventura della Porsche 924 si concluse nel 1985, dopo dieci anni di continui affinamenti in pieno stile Porsche e dopo 124.237 esemplari venduti (compresi i modelli speciali).

  • 1976 - 1979 Il motore della prima versione aspirata della 924, è un 1984 cc a benzina, 4 cilindri con 2 valvole per cilindro, un albero a camme in testa, raffreddato ad acqua, dotato di iniezione meccanica Bosch k-jetronic, leggermente superquadro (soluzione attuata in previsione della versione turbocompressa) con una potenza disponibile a 150 cv (110 kW), ridotta poi con una modifica strutturale a 125 cv per motivi commerciali. Il cambio manuale a quattro marce, fu affiancato nel 1977 da un cambio automatico a tre marce.
  • Nel 1979, con l'avvento della Turbo, fu disponibile anche sull'aspirata un cambio Porsche di origine ZF a 5 marce
  • 1980 – 1985 Con l'introduzione del modello Turbo, Porsche riporta alcuni cambiamenti tecnici anche sul modello aspirato. La grossa novità riguarda l'introduzione di un cambio a 5 marce altre modifiche minori riguardano le barre stabilizzatrici, la testina della k-jetronic, l'alternatore maggiorato, il diverso sistema di raffreddamento del radiatore, il diverso sistema di accensione.
  • Porsche fa uscire sul finire del 1978 la versione turbocompressa della 924. Al motore viene applicata una turbina KKK, viene modificata la testa e tanti altri particolari del motore per garantire potenza ed affidabilità. Il risultato è una potenza di 170 cv.Lo sfruttamento della meccanica è tale che questi motori vengono assemblati a mano direttamente a Stoccarda, con tolleranze ridottissime. Per aumentare la deportanza alle alte velocità, la Turbo montava di serie un piccolo spoiler di gomma alla fine del lunotto posteriore. Esternamente il modello Turbo si distingue subito per le feritoie sul musetto e per la presa NACA sul cofano anteriore.
  • 1981 – 1983. Nel 1981 la 924 Turbo viene rivista nella meccanica: in particolare, viene sostituita la turbina KKK con una maggiorata, eliminata l'accensione a spinterogeno in favore di un accensione elettronica, portando la potenza a 177 cv