Password dimenticata?
Ricerca guidata




La Opel Corsa

 

rigarossasottile

Le marmitte e i ricambi Bruel Italia per la Opel Corsa

 

 

 

rigarossasottile

 

Informazioni generali sulla Opel Corsa

 

Il successo della Opel Corsa durante i suoi primi 18 anni di vita è stato enorme oltre ogni immaginazione: basti pensare che alla fine della carriera della Corsa B, la piccola tedesca è risultata l'utilitaria più diffusa al mondo.

La Corsa C, ossia la nuova versione introdotta sul mercato alla fine del 2000 mostrava un corpo vettura non di certo rivoluzionario, in quanto basato sulle stesse forme ed impostazioni del modello precedente, ma con  una completa revisione della gamma dei motori. Non si trattò di un semplice restyling, ma di un modello completamente nuovo.
La gamma iniziale della Corsa era completa e le motorizzazioni erano tutte con distribuzione a 4 valvole per cilindro, sia  benzina che i diesel.

La versione di punta, sempre denominata GSi, montava un propulsore da 1.8 litri, che pensionò il vecchio 1.6 litri della precedente, GSi. Fu pensionato anche il turbodiesel ad iniezione indiretta da 1.5 litri, a favore di un moderno motore turbodiesel ad iniezione diretta da 1.7 litri. Il resto della gamma prevedeva il piccolo 3 cilindri da 1 litro, già montato sulla precedente Corsa, e le due unità da 1.2 e 1.4 litri.

Tutta la gamma di motori era tecnicamente più raffinata e volta a contenere i consumi e le emissioni inquinanti: fu pertanto ribattezzata con il nome Ecotec. Nel 2004 subisce un piccolo restyling. Nel 2005 viene completato il programma di restyling .

Dal punto di vista tecnico, tra il 2003 ed il 2004 viene equipaggiata con una versione evoluta del propulsore Ecotec a benzina, che integra il sistema Twinport di fasatura variabile sull'aspirazione. Con tali nuovi aggiornamenti tecnici, anche la cilindrata dei motori venne modificata.


Dopo averla presentata al Salone di Londra del 2006, nel settembre dello stesso anno, la Opel lancia sul mercato la nuova Corsa, la quarta serie, contrassegnata dalla lettera D e costruita sul nuovo telaio messo a punto da un team di ingegneri Fiat e Opel, a Torino, durante il periodo di collaborazione tra la casa Italiana e la General Motors