Password dimenticata?
Ricerca guidata




La Lancia Fulvia coupè

 

rigarossasottile

Le marmitte e i ricambi Bruel Italia per la Lancia fulvia coupè:

 

 

rigarossasottile

 

Informazioni generali sulla Lancia Fulvia coupè

 

  • Dalla non fortunatissima berlina derivò, nel 1965, un'elegante e sportiva coupé, che divenne un enorme successo commerciale, grazie alla bellezza della linea e, in un secondo tempo, all'impulso derivante dalle numerose vittorie nelle gare di rally, culminate con la conquista nel Campionato del Mondo nel 1972.
  • Disegnata da Piero Castagnero, che s'ispirò al motoscafo Riva, la Fulvia Coupé era una berlinetta sportiva a 2 posti più 2, dall'aspetto elegante, dalle finiture curate e dalle prestazioni sportive. Era spinta, al momento del debutto da una versione di 1216cc da 80cv del V4 di 12°.Grazie al peso contenuto in 900kg (cofani e portiere erano in una speciale lega d'alluminio e magnesio denominata Peraluman), la piccola sportiva raggiungeva i 160km/h.
  • Nel 1966 la Lancia introdusse subito un potenziamento a 87cv del motore, portato a 1231cc, seguito l'anno dopo da un ulteriore più consistente incremento di cilindrata a 1298cc (88cv).
  • Il lancio di una vera versione sportiva da far correre nei Rally, che avvenne l'anno successivo con la versione HF. Le novità apportate all'HF, rispetto alla versione standard, furono molte. La V del motore venne portata a 13°, mentre grazie ad una serie di modifiche (pistoni, albero motore, rapporto di compressione, carburatori), la potenza crebbe a 101cv. La carrozzeria venne alleggerita. Esteticamente la Coupé HF era riconoscibile per i passaruota allargati da codolini, per i fari di profondità, e per l'elefantino sui parafanghi anteriori.
  •  I successi di categoria ottenuti dalla HF, ispirarono la versione Rally 1.3 S che, con propulsore maggiorato a 1298cc (90cv), prese il posto della versione standard nel 1968. Anche il propulsore della HF beneficiò di un incremento di cilindrata a 1298cc (103cv).
  • Nonostante le risicate risorse finanziarie,si ottenne il benestare per sviluppare ulteriormente l'HF. Il risultato fu la HF 1600 del 1969 (detta anche "Fanalone", per via della coppia di fari più interna più grandi di quella esterna): 1584cc, 116cv (160cv la versione da corsa), 850kg. La "fanalone" permise alla Lancia di aggiudicarsi numerosi rally ed il Campionato del Mondo del 1972.
  • Nel frattempo la Lancia era stata acquisita dalla Fiat. La Fulvia Coupé era all'apice, non era pensabile dismetterla, ma occorreva, secondo Fiat, intervenire per ridurne i costi produttivi.
  •  Fu questo il principale scopo del restyling del 1970. A livello estetico i cambiamenti erano minimi (nuova mascherina più sottile e lineare, paraurti con fascia protettiva in gomma nera), mentre sotto il profilo tecnico si segnalava l'adozione del cambio a 5 marce anche sulla 1.3 S (sempre con motore di 1298cc da 90cv). I risparmi, però, erano realizzati sui materiali interni (il legno della plancia non era più massello, ma impiallacciato su un supporto d'alluminio) ed esterni (vennero eliminate le parti in peralluman e la scooca divenne in più economico acciaio). Oltre alla 1.3 S, la gamma includeva la 1.6 HF (1584cc, 115cv) e la 1.6 HF Lusso.
  • Alla fine del 1972, la Fulvia berlina venne tolta di listino, la Coupé vendeva ancora bene e rimase in produzione. Per non far concorrenza alla nuova Beta Coupé, tuttavia, nel 1973 la gamma venne ridotta alla sola versione 1.3 da 90cv che, per l'occasione, venne sottoposta ad leggero aggiornamento che ne trasformò il nome in Fulvia 3.  Il restyling segnò anche l'abbandono delle competizioni, dove venne (molto degnamente) sostituita dalla plurivittoriosa Stratos. La produzione cessò definitivamente nel 1976, quando venne lanciata la versione 1300 della Beta Coupé.
  • Certamente quando si parla di Fulvia coupé e in particolare delle versioni HF non si può non dire che queste versioni nacquero innanzitutto per la grande opera di Cesare Fiorio e di ciò che il suo allora ancora piccolo staff di uomini creato "in un angolo dei capannoni Lancia" era riuscito a fare con la nascita della "Squadra Corse HF Lancia".