Password dimenticata?
Ricerca guidata




La Alfa Romeo Alfetta GT / GTV

 

rigarossasottile

Marmitte e i ricambi Bruel Italia per Alfa Romeo Alfetta GT / GTV:

 

 

rigarossasottile

Informazioni generali della Alfa Romeo Alfetta GT / GTV

 

 

Nel 1967 l'Alfa Romeo decide di iniziare lo studio per la realizzazione del coupé che dovrà sostituire, il modello "Giulia GT". Nel 1968 viene dato incarico per il nuovo progetto alla Italdesign di Giorgetto Giugiaro,

  • Al momento del lancio nel 1974 la motorizzazione di base era costituita dal bialbero nella cilindrata di 1779cc erogante 122 cv a 5500 giri, già montato anche sull'Alfetta berlina, e che consentiva all'Alfetta GT di raggiungere i 195 km/h, seguita dal 2 litri sempre bialbero della GTV(Veloce).
  • L'anno successivo fu presentato anche il 1.6 da 109 cv che però non raggiunse un grande successo e la produzione terminò nel 1980.
  • Nel 1979 viene introdotta l'Alfetta GT 2.5 in seguito nota anche come "GTV6" con il 2.5 V6 (Busso) da 160cv già montato sull'ammiraglia Alfa 6
  • L'Alfetta GT è stata una vettura molto apprezzata dalla clientela estera, le cui richieste hanno dato origine a molte piccole serie con dotazioni o motorizzazioni particolari.
  • La versione "America",monta il motore da due litri con iniezione per adeguarsi alle norme USA sulle emissioni.
  • Nel Regno Unito venivano esportate le versioni "GTS" da 1600 cc e "GTV Strada" da 2000 cc modelli di serie, ma completamente accessoriate e con finiture particolarmente curate.
  • Su richiesta dell'importatore tedesco, nel 1977, la Autodelta realizzò la "GTV 2.6 V8", in soli 20 esemplari. Dotata del propulsore otto cilindri a V della Montreal, disponeva di 200 CV e poteva raggiungere i 230 km/h, con accelerazioni (0-100 km/h in 7,5) brucianti.
  • Due anni più tardi, vennero allestite 400 vetture della versione "Turboldelta", con motorizzazione di due litri con turbocompressore. Impiegata nelle competizioni, non otterrà soddisfacenti risultati a causa della scarsa affidabilità meccanica.
  • Nel 1981 viene prodotta la versione "Grand Prix" per celebrare il ritorno dell'Alfa Romeo in Formula 1. La "Grand Prix" venne allestita in 650 esemplari numerati progressivamente, di cui 250 destinati al mercato italiano, 200 per il mercato francese e 200 per i restanti paesi europei. L'allestimento speciale veniva eseguito dalla Maggiora.
  • Infine, nel 1984, vennero allestiti 200 esemplari della "GTV 3.0 V6", destinati unicamente al mercato sudafricano.